Vale la pena di visitare Kadikoy, la parte asiatica di Istanbul?

Cari amici del blog,
oggi vorrei rispondere ad una domanda che in molti pongono quando si programma un viaggio ad Istanbul, domanda che suona sempre più o meno così:

"Vale la pena perdere tempo per visitare la parte asiatica della città"?
La risposta, per quella che è stata la nostra esperienza, non può che essere un entusiastico "Si"!
Anzi, vi dirò di più... Vi consiglio caldamente la zona di Kadikoy come base per alloggiare, in particolar modo se viaggiate con bambini.
Facciata di un palazzo a Kadikoy

Nella parte anatolica della città infatti, che abbiamo trovato sicuramente affascinante per via della sua architettura particolare, dei suoi tanti negozietti affacciati sulle strade dello
shopping o nascosti in piccole gallerie commerciali, ci siamo sentiti fin dalla prima sera, diversamente da quanto si potrebbe immaginare, un po' come a casa.La confusione inevitabile portata dai turisti, presenti nella zona europea in gran numero fin dalle prime ore del mattino, lascia spazio al clima molto più rilassato della zona asiatica, dove anche passeggiare la sera al porto, gustando magari un ottimo Balık-ekmek (panino con pesce grigliato e insalata) o una porzione di riso (Pilav) e ceci, in compagnia delle famiglie turche, può davvero fare tutta la differenza del mondo tra una vacanza piacevole e rilassante ed una sempre al centro del trambusto.

Lontano dai circuiti turistici tradizionali si può assaporare in pieno tutta la calorosità del popolo turco, e noterete che mangiare, acquistare generi di prima necessità o concedersi qualche dolce trasgressione, costa sicuramente meno che nei pressi delle attrazioni principali.


Dolci tentazioni a Kadikoy
La distanza con il resto della città e con i quartieri più popolari è del resto limitata ad un piacevole tragitto di una ventina di minuti in traghetto, durante il quale, se avete optato per la compagnia Turyol, potrete farvi servire una fumante tazza di Çay (il tradizionale the turco) direttamente al piano superiore, gustandolo lentamente mentre guardate la splendida vista della Istanbul europea che si avvicina, mentre con i traghetti più grandi e moderni della Sehir Hatlari, vi rilasserete su comode poltrone, distraendovi con i divertenti spettacoli proposti dalle TV, o ascoltando le performance dei vari musicisti intenti ad intrattenere i passeggeri.
Bar interno di una nave Sehir Hatlari

Con il proseguimento della vacanza, noterete che l'appuntamento con il traghetto diventerà parte integrante della vostra esperienza, e quando la sera avvisterete la sponda di Kadikoy, sarete assaliti da una piacevole sensazione, che solo il ritorno a casa può dare.
I prezzi di bar, ristoranti o degli appartamenti per le vacanze, in affitto sui siti specializzati, sono logicamente più bassi della zona europea, e non temete, se un giorno non avrete voglia di prendere il battello per effettuare il passaggio intercontinentale, potrete tranquillamente rimanere dalla parte asiatica, e perdervi tra i mille banchi del coloratissimo mercato, o passeggiare fino all'elegante quartiere di Moda, sedendovi ad ammirare la vista del mare di Marmara.


Vista delle tribune dello stadio Şükrü Saraçoğlu, casa del Fenerbahçe

Per i più sportivi da non perdere la visita all'impianto del Fenerbahce, anche questa molto economica, e se difficilmente troverete qualcuno che possa tradurre le spiegazioni in inglese inglese, la visita al campo, agli spogliatoi e alla sala stampa valgono comunque il prezzo del biglietto. Particolare attenzione alla stanza dedicata alle squadre ospiti, con le magliette regalate dai vari campioni nel corso degli anni, ad adornare i sedili riservati ai calciatori.


Il toro di Kadikoy
Naturalmente a Kadikoy non potrete evitare di farvi immortalare di fronte al celebre toro, divenuto negli anni un po' il simbolo di questo quartiere e come ultimo consiglio, utile nelle giornate festive o poco promettenti sotto il profilo meteorologico, concedetevi una visita al museo del giocattolo, che posto su tre piani riuscirà a regalare ai vostri figli qualche ora di spensieratezza e divertimento.


L'area di Kadikoy è probabilmente la più sicura di tutta la città, ma ovviamente valgono le solite raccomandazioni, da osservare specie in compagnia dei bambini; evitate, in caso di manifestazioni o imponenti schieramenti della polizia, di rimanere a curiosare, con il rischio di essere coinvolti in scontri o problemi simili, e scegliete tranquillamente una via parallela... Il turista ad Istanbul è sacro, ma la prudenza non è mai troppa.

Divertitevi e buona vacanza!

Commenti